La seconda fase: il contratto di locazione a recupero della spesa per i lavori

A seguito della ultimazione dei lavori di recupero degli immobili, il modello applicativo sviluppato dall’Ambito Tecnico del Comune di Belluno prevede una seconda fase di convenzionamento, relativa alla concessione dell’utilizzo gratuito degli immobili a recupero dell’investimento effettuato dagli assegnatari nella fase dei lavori.

Più precisamente, la nuova convenzione, predisposta dall’Area Patrimonio e Demanio, si basa sulla qualificazione dei lavori realizzati dal locatario come “svolti in nome proprio ma per conto del Comune su un’immobile di proprietà comunale” e sul principio del riconoscimento della spesa sostenuta dall’assegnatario (cui viene aggiunta l’IVA, se dovuta) come un’ entrata per il bilancio comunale, quale anticipazione di canoni di locazione.

La nuova convenzione con il soggetto assegnatario, che diviene “locatario”, si configura quindi come un “contratto di locazione con valorizzazione patrimonialedell’immobile, con

scomputo totale di quanto speso dall’assegnatario nella fase dei lavori di manutenzione straordinaria ed adeguamento dei locali ed altre opere correlate, ai sensi dell’ articolo 2 della convenzione per il recupero dell’immobile (rendicontato e verificato);

conferma delle specifiche destinazioni già previste nella prima convenzione;

durata commisurata al tempo necessario per il recupero dell’investimento effettuato;

decorrenza dalla data di sottoscrizione del contratto.

Si prevede il recupero dell’importo che l’assegnatario ha assunto a proprio carico per la realizzazione dei lavori, andando a determinare la durata del contratto quale rapporto tra l’importo totale speso nei lavori ed il canone di locazione annuo calcolato in base alla stima del valore dell’immobile realizzata nella fase di stipula della prima convenzione.

Il contratto prevede inoltre che:

  • la manutenzione ordinaria e straordinaria dei locali e delle aree pertinenziali rimangano a carico del locatario, così come le spese di pulizia, riscaldamento, forniture, asporto rifiuti, oltre alle spese contrattuali ed a tutte le imposte eventualmente dovute per legge (es. TASI);

  • il Comune di Belluno sia esonerato da ogni responsabilità per eventuali danni diretti o indiretti da atto doloso o colposo del locatario;

  • sia vietata la sub-locazione anche parziale dei locali e la cessione o il trasferimento del contratto di locazione (salvo deroghe autorizzate).

Con le seguenti Determinazioni sono stati approvati gli schemi relativi ai relativi contratti di locazione:

  • DETERMINAZIONE n. 1052 del 12/12/2017 – BIM Gestione Servizi Pubblici – Hangar 14

  • DETERMINAZIONE n. 1158 del 27/12/2017 – Gruppo Radioamatori Valbelluna – porzione tettoia 1

 

Codice Descrizione File Data aggiornamento Dimensione
SU_DET_DETE_1052_2017 334 KB
SU_DET_DETE_1158_2017 338 KB